Contratto per la vendita on line
Identificazione del Fornitore
I beni oggetto delle presenti condizioni generali sono posti in vendita dalla Pacha Mama società agricola s.s
con sede/Filiale in Pietrasanta, via risciolo n. 40, iscritta presso la Camera di Commercio di Lucca al n. 229775
del Registro delle Imprese, codice fiscale 02487130466, partita IVA 02487130466 di seguito indicata come
“Fornitore”.
Art. 1
Definizioni
1.1. ​Con l’espressione “contratto di vendita on line”, si intende il contratto di compravendita relativo ai beni
mobili materiali del Fornitore, stipulato tra questi e l’Acquirente nell’ambito di un sistema di vendita a distanza
tramite strumenti telematici, organizzato dal Fornitore.
1.2. ​Con l’espressione “Acquirente” si intende il consumatore persona fisica o giuridica che compie l’acquisto,
di cui al presente contratto, per scopi non riferibili all’attività commerciale o professionale eventualmente
svolta.
1.3. ​Con l’espressione “Fornitore” si intende il soggetto indicato in epigrafe ovvero il soggetto prestatore dei
servizi di informazione.
Art. 2
Oggetto del contratto
2.1. ​Con il presente contratto, rispettivamente, il Fornitore vende e l’Acquirente acquista a distanza tramite
strumenti telematici i prodotti della coltivazione della Canapa Sativa L, regolamentati dalla L. 242/2016i indicati
e offerti in vendita sul sito www.pachamamahemp.com
2.2. ​I prodotti di cui al punto precedente sono illustrati nella pagina web: www.pachamamahemp.com
Art. 3
Modalità di stipulazione del contratto
3.1. ​Il contratto tra il Fornitore e l’Acquirente si conclude esclusivamente attraverso la rete Internet mediante
l’accesso dell’Acquirente all’indirizzo www.pachamamahemp.com, ove, seguendo le procedure indicate,
l’Acquirente arriverà a formalizzare la proposta per l’acquisto dei beni il contratto per l’acquisto dei beni di cui
al punto 2.1 del precedente articolo.
Art. 4
Conclusione ed efficacia del contratto
4.1. ​Il contratto di acquisto si conclude mediante l’esatta compilazione del modulo di richiesta e il consenso
all’acquisto manifestato tramite l’adesione inviata on line ovvero con la compilazione del form/modulo allegato
al catalogo elettronico on line all’indirizzo www.pachamamahemp.com e il successivo invio del form/modulo
stesso, sempre previa visualizzazione di una pagina web di riepilogo dell’ordine, stampabile, nella quale sono
riportati gli estremi dell’ordinante e dell’ordinazione, il prezzo del bene acquistato, le spese di spedizione e gli
eventuali ulteriori oneri accessori, le modalità e i termini di pagamento, l’indirizzo ove il bene verrà consegnato,
i tempi della consegna e l’esistenza del diritto di recesso.
4.2. ​Nel momento in cui il Fornitore riceve dall’Acquirente l’ordinazione provvede all’invio di una e-mail di
conferma oppure alla visualizzazione di una pagina web di conferma e riepilogo dell’ordine, stampabile, nella
quale siano anche riportati i dati richiamati nel punto precedente.
4.3. ​Il contratto non si considera perfezionato ed efficace fra le parti in difetto di quanto indicato al punto
precedente.
Art. 5
Modalità di pagamento e rimborso
5.1. ​Ogni pagamento da parte dell’Acquirente potrà avvenire unicamente per mezzo di uno dei metodi indicati
nell’apposita pagina web dal Fornitore.
5.2. ​Ogni eventuale rimborso all’Acquirente verrà accreditato mediante una delle modalità proposte dal
Fornitore e scelta dall’Acquirente, in modo tempestivo e, in caso di esercizio del diritto di recesso, così come
disciplinato dall’art. 13, punto 2 e ss. del presente contratto, al massimo entro 30 giorni dalla data in cui il
Fornitore è venuto a conoscenza del recesso stesso.
5.3. ​Tutte le comunicazioni relative ai pagamenti avvengono su un’apposita linea del Fornitore protetta da
sistema di cifratura. Il Fornitore garantisce la memorizzazione di queste informazioni con un ulteriore livello di
cifratura di sicurezza e in ossequio di quanto previsto dalla vigente disciplina in materia di tutela dei dati
personali.
Art. 6
Tempi e modalità della consegna
6.1. ​Il Fornitore provvederà a recapitare i prodotti selezionati e ordinati, con le modalità scelte dall’Acquirente o
indicate sul sito web al momento dell’offerta del bene, così come confermate nella e-mail di cui al punto
6.2. ​I tempi della spedizione possono variare dal giorno stesso dell’ordine a un massimo di 5 giorni lavorativi
dalla conferma dello stesso. Nel caso in cui il Fornitore non sia in grado di effettuare la spedizione entro detto
termine ma, comunque, entro quello indicato al punto seguente, ne verrà dato tempestivo avviso tramite e-mail
all’Acquirente.
6.3. ​Le modalità, i tempi e i costi di spedizione sono chiaramente indicati e ben evidenziati all’indirizzo
www.pachamamahemp.com
Art. 7
Prezzi
7.1. ​Tutti i prezzi di vendita dei prodotti esposti e indicati all’interno del sito Internet
www.pachamamahemp.com sono espressi in euro e costituiscono offerta al pubblico ai sensi dell’art. 1336 c.c.
7.2. ​I prezzi di vendita, di cui al punto precedente, sono comprensivi di IVA e di ogni eventuale altra imposta. I
costi di spedizione e gli eventuali oneri accessori (ad es. sdoganamento), se presenti, pur non ricompresi nel
prezzo di acquisto, devono essere indicati e calcolati nella procedura di acquisto prima dell’inoltro dell’ordine
da parte dell’Acquirente e altresì contenuti nella pagina web di riepilogo dell’ordine effettuato.
7.3. ​I prezzi indicati in corrispondenza di ciascuno dei beni offerti al pubblico hanno validità fino alla data
indicata nel catalogo.
Art. 8
Disponibilità dei prodotti
8.1. ​Il Fornitore assicura tramite il sistema telematico utilizzato l’elaborazione ed evasione degli ordini senza
ritardo. A tale scopo indica in tempo reale, nel proprio catalogo elettronico, il numero dei prodotti disponibili e
quelli non disponibili, nonché i tempi di spedizione.
8.2. ​Qualora un ordine dovesse superare la quantità esistente nel magazzino, il Fornitore, tramite e-mail,
renderà noto all’Acquirente se il bene non sia più prenotabile ovvero quali siano i tempi di attesa per ottenere il
bene scelto, chiedendo se intende confermare l’ordine o meno.
8.3. ​Il sistema informatico del Fornitore conferma nel più breve tempo possibile l’avvenuta registrazione
dell’ordine inoltrando all’Utente una conferma per posta elettronica, ai sensi del punto 4.2.
Art. 9
Limitazioni di responsabilità
9.1. ​Il Fornitore non assume alcuna responsabilità per disservizi imputabili a causa di forza maggiore nel caso
non riesca a dare esecuzione all’ordine nei tempi previsti dal contratto.
9.2. ​Il Fornitore non potrà ritenersi responsabile verso l’Acquirente, salvo il caso di dolo o colpa grave, per
disservizi o malfunzionamenti connessi all’utilizzo della rete Internet al di fuori del controllo proprio o di suoi
subfornitori.
9.3. ​Il Fornitore non sarà inoltre responsabile in merito a danni, perdite e costi subiti dall’Acquirente a seguito
della mancata esecuzione del contratto per cause a lui non imputabili, avendo l’Acquirente diritto soltanto alla
restituzione integrale del prezzo corrisposto e degli eventuali oneri accessori sostenuti.
9.4. ​Il Fornitore non assume alcuna responsabilità per l’eventuale uso fraudolento e illecito che possa essere
fatto da parte di terzi, delle carte di credito, assegni e altri mezzi di pagamento, per il pagamento dei prodotti
acquistati, qualora dimostri di aver adottato tutte le cautele possibili in base alla miglior scienza ed esperienza
del momento e in base all’ordinaria diligenza.
9.5. ​In nessun caso l’Acquirente potrà essere ritenuto responsabile per ritardi o disguidi nel pagamento
qualora dimostri di aver eseguito il pagamento stesso nei tempi e modi indicati dal Fornitore.
Art. 10
Responsabilità da difetto, prova del danno e danni risarcibili: gli obblighi del Fornitore
10.1. ​Ai sensi degli artt. 114 e ss. del Codice del consumo, il Fornitore è responsabile del danno cagionato da
difetti del bene venduto qualora ometta di comunicare al Danneggiato, entro il termine di 3 mesi dalla richiesta,
l’identità e il domicilio del produttore o della persona che gli ha fornito il bene.
10.2. ​La suddetta richiesta, da parte del Danneggiato, deve essere fatta per iscritto e deve indicare il prodotto
che ha cagionato il danno, il luogo e la data dell’acquisto; deve inoltre contenere l’offerta in visione del
prodotto, se ancora esistente.
10.3. ​Il Fornitore non potrà essere ritenuto responsabile delle conseguenze derivate da un prodotto difettoso
se il difetto è dovuto alla conformità del prodotto, a una norma giuridica imperativa o a un provvedimento
vincolante, ovvero se lo stato delle conoscenze scientifiche e tecniche, al momento in cui il produttore ha
messo in circolazione il prodotto, non permetteva ancora di considerare il prodotto difettoso.
10.4. ​Nessun risarcimento sarà dovuto qualora il Danneggiato sia stato consapevole del difetto del prodotto e
del pericolo che ne derivava e nondimeno vi si sia volontariamente esposto.
10.5. ​In ogni caso il Danneggiato dovrà provare il difetto, il danno, e la connessione causale tra difetto e
danno.
10.6. ​Il Danneggiato potrà chiedere il risarcimento dei danni cagionati dalla morte o da lesioni personali ovvero
dalla distruzione o dal deterioramento di una cosa diversa dal prodotto difettoso, purché di tipo normalmente
destinato all’uso o consumo privato e così principalmente utilizzata dal Danneggiato.
10.7. ​Il danno a cose di cui all’art. 123 del Codice del consumo sarà, tuttavia, risarcibile solo nella misura che
ecceda la somma di euro trecentottantasette (€ 387).
Art. 11
Garanzie e modalità di assistenza
11.1. ​Il Fornitore risponde per ogni eventuale difetto di conformità che si manifesti entro il termine di 2 anni
dalla consegna del bene.
11.2. ​Ai fini del presente contratto si presume che i beni di consumo siano conformi al contratto se, ove
pertinenti, coesistono le seguenti circostanze: a) sono idonei all’uso al quale servono abitualmente ai sensi
della L. 242/2016 e, comunque a tutti quegli usi che seppur non previsti non sono espressamente vietati,
nonché per uso tecnico, collezionistico e di ricerca ; b) sono conformi ai requisiti sanciti dalla stessa legge e
cioè la provenienza da coltivazioni effettuate con sementi certificate secondo la direttiva UE 13 giugno 2002 ed
il rispetto dei limiti percentuali di THC fissati dall’art. 4 co. 5 e 7 L. 242/2016.
11.3. ​L’Acquirente decade da ogni diritto qualora non denunci al Venditore il difetto di conformità entro il
termine di 2 mesi dalla data in cui il difetto è stato scoperto. La denuncia non è necessaria se il Venditore ha
riconosciuto l’esistenza del difetto o lo ha occultato.
11.4. ​In ogni caso, salvo prova contraria, si presume che i difetti di conformità che si manifestano entro 6 mesi
dalla consegna del bene esistessero già a tale data, a meno che tale ipotesi sia incompatibile con la natura del
bene o con la natura del difetto di conformità.
11.5. ​In caso di difetto di conformità, l’Acquirente potrà chiedere, alternativamente e senza spese, alle
condizioni di seguito indicate, la sostituzione del bene acquistato, una riduzione del prezzo di acquisto o la
risoluzione del presente contratto, a meno che la richiesta non risulti oggettivamente impossibile da soddisfare
ovvero risulti per il Fornitore eccessivamente onerosa ai sensi dell’art. 130, comma 4, del Codice del consumo.
11.6. ​La richiesta dovrà essere fatta pervenire in forma scritta, a mezzo raccomandata A.R., al Fornitore, il
quale indicherà la propria disponibilità a dar corso alla richiesta, ovvero le ragioni che gli impediscono di farlo,
entro 7 giorni lavorativi dal ricevimento.
11.7. ​Qualora la sostituzione siano impossibili o eccessivamente onerose, o il Fornitore non abbia provveduto
alla riparazione o alla sostituzione del bene entro il termine di cui al punto precedente o, infine, la sostituzione
o precedentemente effettuate abbiano arrecato notevoli inconvenienti all’Acquirente, questi potrà chiedere, a
sua scelta, una congrua riduzione del prezzo o la risoluzione del contratto. L’Acquirente dovrà in tal caso far
pervenire la propria richiesta al Fornitore, il quale indicherà la propria disponibilità a dar corso alla stessa,
ovvero le ragioni che gli impediscono di farlo, entro 7 giorni lavorativi dal ricevimento.
11.8. ​Nella stessa comunicazione, ove il Fornitore abbia accettato la richiesta dell’Acquirente, dovrà indicare la
riduzione del prezzo proposta ovvero le modalità di restituzione del bene difettoso. Sarà in tali casi onere
dell’Acquirente indicare le modalità per il riaccredito delle somme precedentemente pagate al Fornitore.
11.9 ​In ipotesi di situazione di assenza dei requisiti previsti che provochi eventuali conseguenze giudiziarie in
capo all’acquirente, questi potrà rivalersi esclusivamente sul produttore che abbia garantito per iscritto la
conformità del prodotto alla previsione della L. 242/2016, con esclusione di responsabilità del Fornitore..
Art. 12
Obblighi dell’Acquirente
12.1. ​L’Acquirente si impegna a pagare il prezzo del bene acquistato nei tempi e modi indicati dal contratto.
12.2. ​L’Acquirente si impegna, una volta conclusa la procedura d’acquisto on line, a provvedere alla stampa e
alla conservazione del presente contratto.
12.3. ​Le informazioni contenute in questo contratto sono state, peraltro, già visionate e accettate
dall’Acquirente, che ne dà atto, in quanto questo passaggio viene reso obbligatorio prima della conferma di
acquisto.
Art. 13
Diritto di recesso
13.1. ​L’Acquirente non può esercitare il diritto di recesso per il presente contratto di acquisto qualora i prodotti
confezionati e sigillati siano stati dal medesimo aperti, nonché qualora i beni siano in confezioni su misura o
chiaramente personalizzati o che, per loro natura, non possono essere rispediti o che rischiano di deteriorarsi
o alterarsi rapidamente e in ogni altro caso previsto dall’art. 55 del Codice del consumo.
In tutti gli altri casi l’Acquirente ha il diritto di recedere dal contratto stipulato, senza alcuna penalità e senza
specificarne il motivo, entro il termine di 14 (quattordici) giorni lavorativi, decorrente dal giorno del ricevimento
del bene acquistato.
13.2. ​Nel caso l’Acquirente decida di avvalersi del diritto di recesso, deve darne comunicazione al Venditore a
mezzo di raccomandata A.R. all’indirizzo Pacha Mama società agricola s.s con sede/Filiale in Pietrasanta, via
risciolo n. 40, o tramite posta elettronica all’e-mail [email protected], purché tali comunicazioni
siano confermate dall’invio di raccomandata A.R. all’indirizzo Pacha Mama società agricola s.s con
sede/Filiale in Pietrasanta, via risciolo n. 40 entro le 48 (quarantotto) ore successive. Farà fede tra le Parti il
timbro apposto dall’ufficio postale sulla ricevuta rilasciata. Ai fini dell’esercizio del diritto di recesso l’invio della
comunicazione potrà validamente essere sostituito dalla restituzione del bene acquistato, purché nei medesimi
termini. Farà fede tra le Parti la data di consegna all’ufficio postale o allo spedizioniere.
13.3. ​La riconsegna del bene dovrà comunque avvenire al più tardi entro 20 (venti) giorni dalla data di
ricevimento del bene stesso. In ogni caso, per aversi diritto al rimborso pieno del prezzo pagato, il bene dovrà
essere restituito integro e, comunque, in normale stato di conservazione.
13.4 . ​Le sole spese dovute dal Consumatore per l’esercizio del diritto di recesso a norma del presente articolo
sono le spese dirette di restituzione del bene al Fornitore, salvo che il Fornitore non accetti di accollarsele.
13.5. ​Con la ricezione della comunicazione con la quale l’Acquirente comunica l’esercizio del diritto di recesso,
le Parti del presente contratto sono sciolte dai reciproci obblighi, fatto salvo quanto previsto ai precedenti punti
del presente articolo.
Art. 14
Cause di risoluzione
14.1. ​Le obbligazioni di cui al punto 12.1, assunte dall’Acquirente, nonché la garanzia del buon fine del
pagamento che l’Acquirente effettua con i mezzi di cui al punto 5.1, e altresì l’esatto adempimento degli
obblighi assunti dal Fornitore al punto 6, hanno carattere essenziale, cosicché, per patto espresso,
l’inadempimento di una soltanto di dette obbligazioni, ove non determinata da caso fortuito o forza maggiore,
comporterà la risoluzione di diritto del contratto ex art. 1456 c.c., senza necessità di pronuncia giudiziale.
Art. 15
Tutela della riservatezza e trattamento dei dati dell’Acquirente
15.1. ​Il Fornitore tutela la privacy dei propri clienti e garantisce che il trattamento dei dati è conforme a quanto
previsto dalla normativa sulla privacy di cui al d.lgs. 30 giugno 2003, n. 196 .
1
15.2. ​I dati personali anagrafici e fiscali acquisiti direttamente e/o tramite terzi dal Fornitore Pacha Mama
società agricola s.s, titolare del trattamento, vengono raccolti e trattati in forma cartacea, informatica,
telematica, in relazione alle modalità di trattamento con la finalità di registrare l’ordine e attivare nei suoi
confronti le procedure per l’esecuzione del presente contratto e le relative necessarie comunicazioni, oltre
all’adempimento degli eventuali obblighi di legge, nonché per consentire un’efficace gestione dei rapporti
commerciali nella misura necessaria per espletare al meglio il servizio richiesto (art. 24, comma 1, lett. b, d.lgs.
196/2003) .
2
15.3. ​Il Fornitore si obbliga a trattare con riservatezza i dati e le informazioni trasmessi dall’Acquirente e di non
rivelarli a persone non autorizzate, né a usarli per scopi diversi da quelli per i quali sono stati raccolti o a
trasmetterli a terze parti. Tali dati potranno essere esibiti soltanto su richiesta dell’Autorità giudiziaria ovvero di
altre autorità per legge autorizzate.
15.4. ​I dati personali saranno comunicati, previa sottoscrizione di un impegno di riservatezza dei dati stessi,
solo a soggetti delegati all’espletamento delle attività necessarie per l’esecuzione del contratto stipulato e
comunicati esclusivamente nell’ambito di tale finalità.
15.5. ​L’Acquirente gode dei diritti di cui all’art. 7 del d.lgs. 196/2003, e cioè del diritto di ottenere:
a) l’aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l’integrazione dei dati;
b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge,
compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati
raccolti o successivamente trattati;
c) l’attestazione che le operazioni di cui alle lettere a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto
riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale
adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al
diritto tutelato. L’interessato ha inoltre il diritto di opporsi, in tutto o in parte: i) per motivi legittimi al trattamento
dei dati personali che lo riguardano, ancorché pertinenti allo scopo della raccolta; ii) al trattamento di dati
1
Prescrizioni del Garante della privacy – art. 154, 1 c) del d.lgs. 196/2003 – Semplificazioni di taluni adempimenti in ambito pubblico e privato
rispetto a trattamenti per finalità amministrative e contabili del 19 giugno 2008, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale 1° luglio 2008, n. 152.
2
Provvedimento generale del Garante per la protezione dei dati personali Guida pratica di misure di semplificazione per le piccole e medie imprese
del 24 maggio 2007, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale 21 giugno 2007, n. 142.
personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di
ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.
15.6. ​La comunicazione dei propri dati personali da parte dell’Acquirente è condizione necessaria per la
corretta e tempestiva esecuzione del presente contratto. In difetto, non potrà essere dato corso alla domanda
dell’Acquirente stesso.
15.7. ​In ogni caso, i dati acquisiti saranno conservati per un periodo di tempo non superiore a quello
necessario agli scopi per i quali sono stati raccolti o successivamente trattati. La loro rimozione avverrà
comunque in maniera sicura.
15.8. ​Titolare della raccolta e del trattamento dei dati personali è il Fornitore, al quale l’Acquirente potrà
indirizzare, presso la sede aziendale, ogni richiesta .
3
15.9. ​Tutto quanto dovesse pervenire all’indirizzo di posta (anche elettronica) del Centro (richieste,
suggerimenti, idee, informazioni, materiali ecc.) non sarà considerato informazione o dato di natura
confidenziale, non dovrà violare diritti altrui e dovrà contenere informazioni valide, non lesive di diritti altrui e
veritiere, in ogni caso non potrà essere attribuita al Centro responsabilità alcuna sul contenuto dei messaggi
stessi.
Art. 16
Modalità di archiviazione del contratto
16.1. ​Ai sensi dell’art. 12 del d.lgs. 70/2003, il Fornitore informa l’Acquirente che ogni ordine inviato viene
conservato in forma digitale/cartacea sul server/presso la sede del Fornitore stesso secondo criteri di
riservatezza e sicurezza.
Art. 17
Comunicazioni e reclami
17.1. ​Le comunicazioni scritte dirette al Fornitore e gli eventuali reclami saranno ritenuti validi unicamente ove
inviati al seguente indirizzo: Pacha Mama società agricola s.s con sede/Filiale in Pietrasanta, via risciolo n. 40,
oppure inviati tramite e-mail al seguente indirizzo [email protected] L’Acquirente indica nel
modulo di registrazione la propria residenza o domicilio, il numero telefonico o l’indirizzo di posta elettronica al
quale desidera siano inviate le comunicazioni del Fornitore.
Art. 18
Composizione delle controversie
18.1. ​Tutte le controversie nascenti dal presente contratto verranno deferite alla Camera di Commercio di
Lucca e risolte secondo il Regolamento di conciliazione dalla stessa adottato.
18.2. ​Qualora le Parti intendano adire l’Autorità giudiziaria ordinaria, il Foro competente è quello del luogo di
residenza o di domicilio elettivo del Consumatore, inderogabile ai sensi dell’art. 33, comma 2, lett. u) del d.lgs.
206/2005.
Art. 19
Legge applicabile e rinvio
19.1. ​Il presente contratto è regolato dalla legge italiana.
19.2. ​Per quanto qui non espressamente disposto, valgono le norme di legge applicabili ai rapporti e alle
fattispecie previste nel presente contratto, e in particolar modo l’art. 5 della Convenzione di Roma del 1980.
19.3. ​Ai sensi dell’art. 60 del d.lgs. 206/2005, viene qui espressamente richiamata la disciplina contenuta nella
Parte III, Titolo III, Capo I del d.lgs. 206/2005.
Art. 20
Clausola finale
3
“Salvo che non sia stato nominato dall’Impresa un responsabile nella persona del sig. Massimo Boghetti”.

Il presente contratto abroga e sostituisce ogni accordo, intesa, negoziazione, scritto od orale, intervenuto in
precedenza tra le Parti e concernente l’oggetto di questo contratto.